GIARDINI GALLEGGIANTI

BACINO BALNEABILE

biolago1


Volantino informativo front english
Volantino floating-garden

 

I primi giardini sull’acqua

primi-giardini

Aztechi alle prese con la costruzione di un chinampa (piccolo giardino galleggiante costruito su zattere di canne) lungo le sponde dei laghi Xochimilco e Chalco presso l’antica capitale Tenochtitlàn.

primi-giardini1 primi-giardini2

 

 

 

 

Funzioni e motivazioni  per la realizzazione di orti e giardini galleggianti

1.   Recupero, valorizzazione e connessione del patrimonio storico lungo i corsi d’acqua attraverso il potenziamento e/o la creazione di percorsi a basso impatto ambientale (collegamenti ciclo-pedonali);

2.   Connessione ecologica di canali e corsi d’acqua e potenziamento del rapporto naturale acqua-terra;

3.   Funzione percettiva/estetica, ricreativa, didattica e ludica;

4.   Alternativa efficace al consumo di suolo /agricoltura sostenibile;

5.   Sostentamento economico attraverso la produzione locale / orti urbani;

6.   Riqualificazione e trasformazione di aree urbane marginali o degradate in zone salubri e fruibili sia all’interno del contesto cittadino sia come propaggini periurbane.

… In tempi di crisi si sta riscoprendo il valore dell’orto domestico, il quale rappresenta una piccola ricchezza per chi possiede un fazzoletto di terra e lo rende fertile …

L’espressione “orto urbano”/”agricoltura urbana” designa, oggi, il diffondersi in molte città di aree coltivate da abitanti locali e cittadini, i quali, a loro volta distribuiscono i frutti della terra da loro lavorata nelle vicinanze delle zone di produzione. Questo movimento, nato per rispondere a un insieme di esigenze reali, è diventato un fenomeno a scala globale presente in forma organizzata in diverse città e capace di creare delle vere e proprie COMUNITA’ AGRICOLE URBANE per la produzione e il sostentamento locale.

Proposta Orti e giardini galleggianti sui Navigli

la proposta “Orti galleggianti e zattere flottanti” per il progetto “Via d’acqua” previsto dal comune di Milano in concomitanza dell’EXPO 2015 – Da Villoresi al Naviglio Grande verrà creato un nuovo canale di 22 km che alimenterà il sito espositivo e porterà acqua in aree oggi in sofferenza idrica – Il progetto attraverso l’ausilio di sistemi di ingegneria idraulica e alzaie, promuoverà la valorizzazione delle connessioni  ecologiche

Lascia un commento